Passa ai contenuti principali

Stimolare la capacità critica nei confronti dei "media" - di Luigi Gaudio

Il compito del docente, quando ci si accosta alla TV e alle nuove tecnologie è particolarmente importante. Appropriarsi dei linguaggi della tecnologia è un esercizio che non è fine a se stesso, ma che dovrebbe dotare gli studenti di quegli strumenti che possono permettere loro di non cadere nei tranelli della comunicazione di massa.
Approfondiamo il discorso sulla TV (1) e sui nuovi media (2).
1) Per quanto riguarda la Tv, il potere che essa esercita è dovuto spesso alla mancanza di consapevolezza dei mezzi utilizzati. Ad esempio, i gesti e i volti dei protagonisti, le inquadrature e il mixaggio di una trasmissione, non sono neutri. Essi sono anzi gli strumenti attraverso i quali lo spettatore è condotto a pensare non con la sua testa, ma lasciandosi influenzare dal mezzo. Rendersi conto di questo, magari facendo una ricerca su una trasmissione, con tanto di analisi delle posture, degli sguardi in macchina, delle inquadrature dei particolari, ecc…, oppure confrontando il modo diverso in cui due telegiornali presentano la stessa notizia, può condurre gli alunni ad una maggiore consapevolezza critica e relativizzazione dei messaggi televisivi, spesso inconsciamente trattati come fossero verità assolute.
2) Per quanto riguarda i media, lo scopo deve essere quello di selezionare le informazioni. Oggi di informazioni e di conoscenze, attraverso la rete, possiamo averne fin troppe. Occorre allora, anche qui, conoscere meglio gli oggetti di cui si parla. Ad esempio, potrebbe essere utile creare un glossario, in cui si spiega cosa sono wiki, blog, newsletter, mailing list, portali e forum, oppure si puntualizzano i rischi di social network, you tube, chat e peer ti peer. Il docente essere il primo ad esser informato su questa terminologia, in modo da poter davvero guidare i suoi alunni ad essere soggetti attivi e non passivi nel mondo in cui dovranno vivere

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…