Passa ai contenuti principali

Gli insegnanti non sono contenti di protestare - di Luigi Gaudio

I collegi docenti e le aule insegnanti sono in mano ai professori più esagitati e incattiviti. Le contestazioni si moltiplicano. La maggioranza si accoda, ma dentro di sé non è contenta.

Le mozioni vengono approvate all'unanimità, o quasi, e i docenti che la pensano diversamente si schermiscono e ritengono che non valga la pena di discutere di scuola o di apprendimento, perché non sembra questo l'oggetto del contendere.
Il collegio rifiuta all'unanimità la proposta ministeriale di valutazione delle scuole e dei docenti, ma molti insegnanti sono consapevoli che l'assenza di una valutazione è tra le cause principali di una mancanza di stima e di professionalità della categoria.
Il Collegio delibera di non effettuare  gite e viaggi di istruzione nell'anno in corso, ma un docente sa che il viaggio di istruzione, se ben preparato e organizzato, è un incontro fondamentale con la realtà fuori dalla scuola, e costituisce la possibilità di una convivenza umana più stretta ed educativa, e non da compagnoni, tra ragazzi e docenti.
Il Collegio delibera di non correggere le prove INVALSI, ma molti docenti sanno che, da un punto di vista didattico, non ha senso somministrare una prova ai ragazzi concernente la propria materia, e poi lasciare che siano altri a correggerla e a controllarla.
Se lo scopo di un insegnante di italiano, per esempio,  è davvero di portare l'alunno a comprendere i testi e ad impadronirsi del mezzo linguistico, egli sa che uno strumento importante di verifica potrebbe essere costituito proprio dalle prove INVALSI, che a questo tendono, pur con tutti i limiti di una prova standardizzata.
Insomma  un docente sa quale è il bene dei propri alunni, al di là di tutte le costruzione ideologiche.
La convinzione, infine, non espressa, ma di molti docenti, è che la scuola non dipenda né dalle riforme epocali, e nemmeno dalle contestazioni epocali, ma dal desiderio che ognuno ha al mattino, quando prende in mano il registro o il libro, di fare i conti fino in fondo con il proprio lavoro e con l'altro che ti sta di fronte.


Luigi Gaudio

Commenti

  1. Mi riconosco pienamente, nello stile e nei contenuti delle considerazioni dell'articolo in oggetto. Per fortuna vivo in una realtà in cui molti dei problemi accennati non si presentano.
    Ma una certa aria si respira, ahimè, lo stesso.
    Stefano Agosti - ins. Scuola Primaria

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…