Passa ai contenuti principali

Il compito didattico del dirigente scolastico – di Luigi Gaudio

Per delineare il compito educatico di un dirigente scolastico, mi vengono in aiuto le osservazioni fatte dal professor Nicoli durante un corso DISAL di preparazione al concorso per dirigenti scolastici. La questione su cui dibatteva il professor Nicoli era la seguente: come può un preside incidere sulla didattica? Pare che la emanazione dei decreti delegati (in particolare il 416 del 1974) abbia tolto al dirigente scolastico una funzione ispettiva e decisionale sulla didattica, che era una sua prerogativa in precedenza. È chiaro, invece, che da quando esiste un “collegio docenti” il luogo deputato, l’organo tecnico per le decisioni in ordine alla didattica è proprio il collegio docenti. Ora, a parte il fatto che il dirigente scolastico presiede il collegio docenti, c’è comunque il rischio che, preso da mille altri problemi di carattere amministrativo e burocratico, il dirigente non si occupi più di didattica. Ritengo questo un rischio da combattere con decisione. Il dirigente scolastico è stato un docente (e chi è stato un docente, rimane tale per tutta la vita, in un certo senso), e quindi ha tutte le carte in regola per aiutare i suoi docenti a fare bene il loro lavoro. Penso che “testimonianza”, “stimolo”, “condivisione”, “accompagnamento”, “esempio” siano le parole che meglio possono esprimere l’atteggiamento che ha un buon dirigente scolastico nei confronti dei suoi docenti. Non si tratta quindi di imporre uno stile pedagogico piuttosto che un altro, ma si tratta di indirizzare (dirigere appunto) i docenti verso un lavoro più gratificante e tutti i docenti sanno cosa vuol dire questo:; vuol dire dedicare più tempo alla scuola. È paradossale, e fa anche un po’ arrabbiare i docenti, se valutano la scarsa considerazione sociale ed economica del loro lavoro, ma più si danno da fare con i loro alunni, più non si fermano non solo al mattino, ma anche il pomeriggio con i loro ragazzi, più non si accontentano solo di correggere i compiti, ma arrivano a ricorreggerli ( a farli rifare e a ricorreggerli), più sono contenti, perché hanno capito che così il loro lavoro non è inutile, ma diventa fondamentale. Il compito didattico del dirigente è solo quello di ricordare questo ai suoi docenti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…