Passa ai contenuti principali

Eccellenza, parola seducente .. nulla più - di Enrico Maranzana

Quando mi è stato chiesto per la prima vola di presentare il festival di Sanremo ho pensato a due cose, immediatamente. La prima è stata la mia professoressa di filosofia, perché io a scuola ero un asino, non studiavo mai e lei ogni volta che mi interrogava mi prendeva in giro. Io volevo fare l’attore da ragazzino e mi diceva: «Venga Bizzarri alla lavagna che vuol far l’attore». Ecco volevo dire alla mia professoressa di filosofia che sto presentando il festival di Sanremo”, messaggio concluso da un eloquente gesto del braccio.
Si tratta di uno dei tanti, emblematici esempi che mostrano come la scuola eluda il mandato ricevuto. Questo si sostanzia nella «progettazione e nella realizzazione di interventi di educazione, formazione e istruzione mirati allo sviluppo della persona umana, adeguati .. alle caratteristiche specifiche dei soggetti». [DPR 275/99]; norma del tutto coerente con la finalità del sistema scuola che ha il compito di «promuovere l'apprendimento .. per raggiungere elevati livelli culturali e sviluppare le capacità e le competenze, attraverso conoscenze  e  abilità,  generali  e  specifiche,  coerenti  con  le attitudini e le scelte personali» [legge n°53/2003].
L’apprendimento è un processo volto alla promozione di capacità
che il corpo docente, razionalmente, devono governare
L’apprendimento non si insegna … l’apprendimento si promuove
L’apprendimento è inversamente proporzionale allo spazio 
riservato alle parole del docente nell’attività di classe

I nuovi regolamenti di riordino danno consistenza ai tre enunciati. Essi affermano che la progettazione dell’insegnamento è da fondare su: L’uso costante del laboratorio nell’insegnamento delle discipline scientifiche” [licei]; “metodologie finalizzate a valorizzare il metodo scientifico e il pensiero operativo”; [ist. tecnici]; “la valorizzare di stili d’apprendimento induttivi” [ist. professionali].  Il DPR, inoltre, affermando che “lo studio delle discipline deve essere caratterizzato da una prospettiva sistematica, storica e critica” e che gli studenti devono “praticare i metodi di indagine propri dei diversi ambiti disciplinari” [regolamento licei], innova il tradizionale concetto di disciplina.  Esso non sarà più ancorato a quanto depositato nei sacri testi ma dovrà essere sostituto da un’immagine dinamica che evolve a partire dagli specifici problemi che lo specialista nel tempo ha affrontato, prosegue con la focalizzazione dei procedimenti utilizzati per la risoluzione delle questioni poste, per giungere alla formalizzazione e alla sistematizzazione degli argomenti che hanno dato risposta agli interrogativi iniziali. La nuova conoscenza sarà il trampolino di lancio verso nuove ricerche.
Una metafora rinforza il concetto espresso: le discipline sono dei folletti che saltellano per il mondo e le conoscenze sono le loro tracce. Il loro spirito vitale risiede nell’energia, nella curiosità, nella determinazione e nella vivacità del loro carattere. Quale meraviglia manifestano quando percepiscono nuovi problemi, quanta attenzione dimostrano quando ne circoscrivono l’ambito. E che dire della precisione che esibiscono quando scavano per trovare la soluzione e dei trilli di gioia che accompagnano la cattura di nuove questioni.

La ricaduta sull’attività di classe di questa visione può essere apprezzata se si considera che gli studenti, coinvolti nella ricerca della soluzione di uno specifico problema disciplinare, agiscono sorretti da un’autentica, intrinseca motivazione. Non meno importante è la considerazione che, quando uno persona applica metodi disciplinari, esibisce comportamenti produttivi, espressione di competenze: la finalità istituzionale.

Questo l’ambito entro cui nasce il problema della promozione delle eccellenze, definito dal ministro nell’art. 1 del D.M. 27/7/2010: «Per l’anno scolastico 2010/2011, è definito il programma nazionale di promozione delle eccellenze, come riportato nell’allegata tabella A, contenente i diversi ambiti disciplinari dei percorsi di istruzione secondaria superiore, le competizioni nazionali e internazionali, nonché olimpiadi e certami, ed i rispettivi soggetti proponenti, interni ed esterni all’Amministrazione scolastica, al fine di riconoscere i risultati elevati raggiunti dagli studenti delle relative scuole statali e paritarie». La tabella A elenca le gare, divise per macro-settori, a cui gli studenti possono accedere per mostrare le proprie qualità, quali ad esempio la capacità di “guardare al futuro”, “progettare”, essere innovativi, interpretare” …

Si tratta di un’impostazione priva di fondamento logico-professionale. La norma non tende, come dichiarato, a promuovere l’eccellenza ma si limita a ricercarla. La strategia proposta per la sua identificazione, inoltre,  delega a terzi la specificazione sia dei caratteri delle “eccellenze”, sia dei criteri per la loro misurazione. Fatto ancora più sorprendente è il rifuggire le responsabilità connesse all’ideazione di dispositivi atti a riportare la didattica e il governo dei processi di apprendimento nell’alveo istituzionale: siamo di fronte a un’abdicazione.

Enrico Maranzana

Commenti

Post popolari in questo blog

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Zefiro torna, sonetto 310 del Canzoniere di Francesco Petrarca - di Carlo Zacco

Struttura. È nettamente diviso in due parti: quartine (parte euforica), terzine (parte disforica).  - Nelle quartine il poeta celebra entusiasticamente il ritorno della primavera, e il modificarsi di vari elementi naturali: clima, piante, animali, disposizioni dei pianeti, gli elementi fondamentali;  - Nelle terzine invece mette in contrasto il paesaggio appena descritto col proprio stato d’animo: al ritorno della primavera, ritorna anche il dolore provato da Petrarca pensando sia al giorno dell’innamoramento, sia al giorno della morte dell’amata, avvenuta il 6 Aprile, in primavera appunto.
Zephiro torna, e 'l bel tempo rimena, e i fiori et l'erbe, sua dolce famiglia, et garrirProgne et pianger Philomena, et primavera candida et vermiglia.    Ridono i prati, e 'l ciel si rasserena;Giove s'allegra di mirar sua figlia; l'aria et l'acqua et la terra è d'amor piena; ogni animal d'amar si riconsiglia.    Ma per me, lasso, tornano i pi…

Sul fondo da Se questo è un uomo di Primo Levi

Apprendimento cooperativo:  qui sopra videolezione del professore su youtube
qui sotto: audiolezione del professore in mp3 approfondimento scritto di un alunno/a
Lettura del brano "Sul fondo" tratto dal secondo capitolo del romanzo Se questo è un uomo di Primo Levi in formato wma
Se questo è un uomoPrimo Levi relazione di narrativa di Emiliano Ventura - Seconda DVITA E BIBLIOGRAFIA DELL’AUTOREPrimo Levi nasce a Torino il 31 luglio 1919 da Cesare Levi e da Ester Luzzati. A partire dal 1934 comincia a frequentare il Ginnasio-Liceo “D’Azeglio” dove mostra una buona disposizione per le materie scientifiche. Ottenuta la licenza liceale si iscrive all’Università torinese dove frequenta la facoltà di Scienze e si laurea nel 1941.
Trova subito lavoro come chimico in una cava d’amianto e l’anno dopo entra in un’industria farmaceutica di Milano, la Wander. Nel 1943 lascia questo lavoro per prendere parte alla Resistenza e partecipa ad un’azione clamorosa ai danni della milizia fascista di Ivr…