Passa ai contenuti principali

E basta con questi genitori che vogliono fare gli avvocati dei figli! - di Luigi Gaudio

Gli ultimi casi e la polemica scoppiata al Liceo Parini di Milano sono la punta di un iceberg, su cui è arrivato il momento di fare chiarezza, non per difesa d'ufficio della categoria, ma per amore della verità. È ora di finirla con questi genitori giornalisti, genitori avvocati, genitori manager, genitori imprenditori, genitori qualsivoglia, (e, cosa ancora peggiore, genitori docenti) che vogliono a insegnarci la professione dell’insegnante. Dal momento che si ritengono così esperti e competenti, perché non hanno scelto la nostra professione, invece della loro? Scusate lo sfogo, ma probabilmente voi, che insegnate in altre parti di Italia, non avete idea della invadenza genitoriale, che a Milano ha assunto livelli davvero preoccupanti, con i figli che stanno a guardare, contenti del fatto che, a casa, non trovano chi dà man forte al progetto educativo della scuola, ma chi asseconda il loro disimpegno, con la scusa della incapacità del docente. Come non capire, quindi, come mai ben 5 docenti al Liceo Parini abbiano chiesto il trasferimento? Intendiamoci, però, non abbiamo intenzione di fare di tutta un'erba un fascio. E' evidente che se un docente non rispetta il codice deontologico della nostra professione, va corretto, redarguito e perfino licenziato, a seconda della gravita' della mancanza. Tuttavia noi ci riferiamo alla pratica sempre più diffusa dei genitori che, incapaci di mostrare al figlio il significato di una fatica, il significato, scusate se sono così retrogrado, della autorità, rovinano, di fatto, con i loro pregiudizi interessati sui docenti, il cammino educativo del loro figli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Eticamente lecito uccidere i bambini - di Stefano Biavaschi

“Eticamente lecito uccidere i bambini”. E' la sorprendente tesi di due bioeticisti italiani, pubblicata sul Journal of Medical Ethics. I due personaggi sono Alberto Giubilini e Francesca Minerva, e il titolo incredibile dell'articolo è: “Aborto dopo la nascita, perché il bambino dovrebbe vivere?”.

Il mattino, da "Il giorno" di Giuseppe Parini - vv. 1-169 - di Carlo Zacco

5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue Purissimo celeste, o in te del sangue Emendino il difetto i compri onori E le adunate in terra o in mar ricchezze Dal genitor frugale in pochi lustri, Me Precettor d'amabil Rito ascolta.     Come ingannar questi nojosi e lenti Giorni di vita, cui sì lungo tedio E fastidio insoffribile accompagna Or io t'insegnerò. Quali al Mattino, Quai dopo il Mezzodì, quali la Sera Esser debban tue cure apprenderai, Se in mezzo agli ozj tuoi ozio ti resta Pur di tender gli orecchi a' versi miei.     Già l'are a Vener sacre e al giocatore Mercurio ne le Gallie e in Albione Devotamente hai visitate, e porti Pur anco i segni del tuo zelo impressi: Ora è tempo di posa. In vano Marte A sè t'invita; che ben folle è quegli Che a rischio de la vita onor si merca, E tu naturalmente il sangue aborri. Nè i mesti de la D…

Concorso dirigenti: appunti di studio

L'ultima mia fatica di studio in vista del concorso l'ho riversata come al solito sul sito www.atuttascuola.it e credo che possa essere utile, in mancanza di una testo ufficiale del ministero di preparazione al concorso.