Passa ai contenuti principali

Burnout dei docenti: i presidi fanno orecchie da mercante - di Luigi Gaudio

Un interessante articolo del giornale La Stampa del 22 marzo 2011, che riportiamo qui sotto, mette nuovamente a tema lo stressqa da lavorto correlato, sul quale i dirigentiu scolastici non mostrano sempre la dovuta attenzione. I docenti possono fare riferimento, per affrontare il problema, allo sportello SPORTELLO 'IO TI ASCOLTO' di Diesse Lombardia. Lo Sportello è aperto ogni mercoledì dalle16 alle 19.
Per parlare con la responsabile o per fissare un appuntamento, occorre telefonare al n.
 02-45485517  02-45485517. Per prendere contatti si può anche scrivere un’ email a sportelloiotiascolto@diesselombardia.it. Responsabile del progetto è Anna Di Gennaro.
Referente scientifico del progetto è Vittorio Lodolo D’Oria.

Aiuto, mi è scoppiato il prof
Lo stress in classe «Burnout» sempre più frequente ma i presidi non sono ancora formati per fare prevenzione e adottare iniziative utili.
La relazione al Collegio medico è sentita come azione di mobbing
La Stampa – 22 marzo 2011 - m.t.m.  - Torino
Il caso che ieri, nell’aula magna del liceo D’Azeglio, il dottor Vittorio Lodolo D’Oria ha raccontato non è nemmeno tra i più «estremi». Un insegnante elementare precario, con un contratto annuale, contatta il medico esperto di «burnout», lasciandogli un messaggio sulla segreteria telefonica. La mattina seguente Lodolo D’Oria lo richiama. Lui molla la classe (!) e si rifugia in bagno per potergli parlare. Confessa subito: «Dottore, sento le voci. Prendo il Serenase. Dallo psichiatra non vado da mesi perché ogni volta che lo vedo mi aumenta la dose».
Il medico, a quel punto, pensa ai bambini affidati ad un malato e informa il dirigente scolastico. Il quale risponde, abbastanza tranquillo, così: «Dottore, è da novembre che sente le voci. Siamo al 3 giugno e tra una settimana la scuola finisce. È un precario, l’anno prossimo - incrocio le dita - non sarà più qui». Fine. Risolto il problema, come per lo più viene risolto per non affrontare un iter che dovrebbe concludersi con il docente convocato dal Collegio Medico di Verifica e l’accertamento dell’eventuale inabilità al lavoro per causa di salute. Un iter alquanto defatigante, che spesso include una denuncia per mobbing al preside.
La vicenda può far sorridere, ma non sorridono bambini, ragazzi, famiglie alle prese con un docente inabile, i presidi che fanno bene il loro lavoro, i colleghi del docente con problemi. Ed è di questo «problema» - di «disagio mentale professionale», con tante sfumature e tanti livelli di gravità - che si è parlato ieri mattina al seminario organizzato dall’Associazione Nazionale Presidi. Al centro dell’attenzione, la formazione dei dirigenti in vista della prevenzione.
Perché il «problema», lo «Stress lavoro-correlato», niente affatto raro, entra a pieno titolo nel grande capitolo della sicurezza a scuola (DL 81/2008). «È un tema sul quale i dirigenti sono relativamente poco preparati, i cui risvolti sono percepiti come sgradevoli», ha detto il presidente regionale dell’Anp Mario Perrini, presentando l’incontro con Lodolo D’Oria, massimo esperto italiano di «burnout», autore del recente «Pazzi per la scuola. Il burnout degli insegnanti a 360°: prevenzione e gestione in 125 casi», Alpes edizioni.
Lodolo D’Oria, che dal ’92 fa parte del Collegio Medico dell’asl di Milano, l’ha detto chiaramente: «I dirigenti devono avere consapevolezza del rischio, devono fare formazione tra i docenti per favorire l’autovalutazione. Infine, non devono pensare che a loro non toccherà mai un docente affetto da psicopatologia: le statistiche dicono che su cento insegnanti due sono schizofrenici».
L’esperto ha diviso la categoria degli insegnanti in tre gruppi: sani, consapevoli del disagio (depressione, ansia, per esempio, ma «sotto controllo»), affetti da patologie psichiatriche. «Questi ultimi negano la patologia e spesso si ritengono vittime di mobbing. Eppure, nelle nostre visite non si è mai riscontrato un solo caso di mobbing, mentre i 2/3 degli accertamenti presentano una diagnosi psichiatrica», ha detto il medico. Ai dirigenti ha ricordato: «Voi avete un ruolo medico-legale, il vostro strumento è l’invio al collegio medico. Ma prima di tutto dovete informare il vostro corpo docente del rischio che corre svolgendo una “helping profession”, dei suoi diritti e doveri».
Parallelamente attenzione va prestata agli “eventi sentinella”, come tasso di fuga dalla scuola, turn over, numero di lettere di reclamo e così via. Certo, tutto contribuisce allo stress: famiglia, insoddisfazioni e ovviamente condizioni di lavoro. Ma se lo stress si manifesta in classe e il lavoratore non si rende conto della sua gravità, c’è chi deve intervenire. «Purtroppo, su 1412 dirigenti scolastici intervistati, solo lo 0,7% ha dato risposte corrette sull’utilizzo dell’accertamento medico di fronte a problemi di disagio mentale», ha detto Lodolo D’Oria.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015

Da oggi fino alla prova preselettiva sulla seguente pagina facebook un quiz al giorno per il Concorso Dirigenti Scolastici 2015 (bando previsto entro fine marzo, secondo il decreto Milleproroghe), ogni giorno alle ore 9.  La soluzione verrà pubblicata almeno un giorno dopo. https://www.facebook.com/nuovoconcorsodirigentiscolastici

Elogio di Galileo dall' Adone di Marino - di Carlo Zacco

Marino - Adone Canto X - ottave 42-37 Elogio di Galileo
42 Tempo verrà che senza impedimento queste sue note ancor fien note e chiare, mercé d'un ammirabile stromento per cui ciò ch'è lontan vicino appare e, con un occhio chiuso e l'altro intento specolando ciascun l'orbe lunare, scorciar potrà lunghissimi intervalli per un picciol cannone e duo cristalli. - Impedimento: ostacolo;  - note: caratteristiche;   note: conosciute e comprensibili: paronomasia;    mercé: grazie a;    - intento: attento;  - specolando: osservando;  - scorciar: abbreviare; 43 Del telescopio, a questa etate ignoto, per te fia, Galileo, l'opra composta, l'opra ch'al senso altrui, benché remoto, fatto molto maggior l'oggetto accosta. Tu, solo osservator d'ogni suo moto e di qualunque ha in lei parte nascosta, potrai, senza che vel nulla ne chiuda, novello Endimion, mirarla ignuda. - per te: per opera tua;  - fia l’opra comp…

Sciatteria nelle nomine delle commissioni esami di stato - di Paolo Marsich

Per dare un’idea della serietà con cui i burocrati del Ministero dell’Istruzione gestiscono l’Esame di Stato (ex Maturità), basterebbe considerare questi esempi di come sono state composte le commissioni: a esaminare in Storia studenti di indirizzi liceali e tecnici in cui la materia viene insegnata dal docente di Italiano (classe di concorso A050), sono stati mandati docenti di Italiano e Latino (classe A051) che, per quanto in possesso di abilitazione anche all’insegnamento di Storia, ottenuta magari trent’anni fa, Storia al triennio non l’hanno mai insegnata; viceversa a esaminare in Italiano e Latino studenti del Liceo Scientifico sono stati mandati insegnanti privi di abilitazione in Latino (classe A050). E ancora, a esaminare in Letteratura italiana studenti dei licei classici sono stati mandati insegnanti di Greco e Latino (classe A052) che, per quanto in possesso di abilitazione anche in Italiano, ottenuta anche questa magari trent’anni fa, Letteratura italiana al triennio no…